La Valle del Fino

Valle del Fino

L'itinerario attraversa una delle zone meno frequentate della provincia, ma sicuramente una delle più affascinanti e più ricche di tradizioni, che si estende lungo la valle del fiume Fino. Da Silvi Marina vale la pena di salire a Silvi alta, che offre una splendida veduta dell'Adriatico.

Di qui. attraverso la panoramica strada statale 553, si raggiunge. in una decina di chilometri la storica città di Atri e, lungo la valle del Fino. percorrendo un tratto della statale e proseguendo per la strada provinciale, si giunge a Villa Bozza, centro di origine preromana, e a Castilenti, paese noto per un cippo miliario degli imperatori Valentiniano, Valente e Graziano.

Da Castilenti. scendendo a valle, si incontra, sulla destra, l'incrocio con la SS 81, risalendo la quale, dopo circa quattro chilometri c'è un altro incrocio, sulla sinistra, con la SS 365 che, in tre chilometri, conduce a Castiglione Messer Raimondo, oggi famosa per i suoi scavi archeologici. Chi desideri ammirare un incantevole panorama della valle, può raggiungere, in breve tempo, Montefino, che conserva anche i resti di un castello degli Acquaviva, duchi di Atri.

Proseguendo, invece, lungo la SS 365, si raggiunge Bisenti, ricca di testimonianze medievali e barocche e. con una breve deviazione, Arsita, nota per l'artigianato del legno e per le autentiche tradizioni folkloristiche.

Da Bisenti, ritornando sulla SS 365, è facile raggiungere Basciano e poi Villa Vomano, da dove, lungo la SS 81, in circa dodici chilometri si giunge a Penna S. Andrea sede, in agosto, dell'Incontro di folklore italico, manifestazione famosa e di rilievo.

Ritornando sulla statale è facile arrivare a Cermignano e magari prevedere una piccola escursione a Montegualtieri che conserva integra un'originale torre triangolare del '300, o proseguire per Celiino Attanasio, famoso castello dei duchi d'Acquaviva, cinto di mura e di torri. Da Cellino, ripassando per Atri, consigliamo di ritornare sulla costa lungo la strada provinciale che, attraversando Mutignano, raggiunge Pineto.

La strada che conduce da Cellino Attanasio ad Atri permette di ammirare i famosi calanchi, solchi di erosione incisi dalle acque nelle rocce argillose. Si tratta di vere e proprie architetture della natura.

Autore:

Itinerari Turistici Abruzzo

Campo Imperatore ¤ Castello di Beffi ¤ Castello di Ortucchio ¤ Escursioni a cavallo ¤ Escursioni in mountain bike ¤ Faraone Vecchio ¤ Farchie di Fara ¤ Fauna ¤ Feudo Intramonti ¤ Feudo Ugni ¤ Gole del Salinello ¤ Gran Sasso ¤ Grotta a Male ¤ Grotte di Stiffe ¤ Guerriero di Capestrano ¤ Maiella ¤ Necropoli di Campovalano ¤ Calanchi ¤ Parco Nazionale d'Abruzzo ¤ Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga ¤ Parco Nazionale della Majella ¤ Parco del Sirente Velino ¤ Perdonanza ¤ Pupazza d'Abruzzo ¤ Repubblica di Senarica ¤ Santuario di San Gabriele ¤ Serpari di Cocullo ¤ Sci di fondo ¤ Sciare in Abruzzo ¤ Tavola dei briganti ¤ Trabocchi ¤ Valle del Fino ¤ Valle dell'Orta ¤ Valle Giumentina ¤ Valle del Tordino ¤ Valle Vibrata ¤ Valle Vomano ¤ Zompo lo Schioppo